RACCONTI IN PUNTA DI CRAVATTA A SAN PIETRO VERNOTICO

Lascia un commento

7 novembre 2014 di vincenzosardiello

LOCANDINA CRAVATTA-page-001La Biblioteca Comunale “Giuseppe Melli”, in collaborazione con “La Bottega del Teatro” di Mesagne, organizza, giovedì 13 novembre alle 18.30 presso la propria sede di Via S. Antonio, 140 a San Pietro Vernotico, un incontro con l’autore Vincenzo Sardiello per la presentazione del suo libro “Racconti in punta di cravatta“.
La presentazione, moderata dal giornalista Pietro Filomeno, è arricchita dalle letture di Mario Cutrì.

Vincenzo Sardiello, sociologo ed esperto d’arte, dopo il fortunato tour in Toscana che lo ha portato a presentare la sua opera prima anche nella Biblioteca Nazionale di Firenze, continua il suo tour pugliese di presentazioni.

Il volume, edito dalla Casa Editrice Mds e con illustrazione di copertina dell’artista Luigi Lerna, contiene diciannove racconti e due commedie.
“Racconti in punta di cravatta” narra frammenti di vite che si svolgono in città dominate da un profondo senso di desolazione esistenziale. Su questo sfondo si muovono personaggi comuni che affrontano la proprio quotidianità prigionieri di ipocrisie e solitudini.

Nella prefazione scrive Paolo Cardoso, professore dell’Università di Firenze e psicoterapeuta di chiara fama: «… molti autori hanno scritto romanzi, racconti, opere di teatro dove hanno delineato il malessere e gli stati d’animo della propria epoca. Ebbene, anche Vincenzo Sardiello lo fa. E lo fa in modo perfetto, dal punto di vista letterario e del coinvolgimento del lettore. Ha poi una qualità che è davvero rara, oggi che tutti si sentono scrittori e artisti: è un autore non banale. Ed essere “non banali”, è davvero difficile. Ha saputo delineare dei personaggi che riescono a esprimere il disagio, la solitudine e l’isolamento che regnano oggi sovrani. È riuscito a far emergere la difficoltà che moltissimi hanno, non solo per esprimere i loro veri sentimenti, ma ancor prima di riconoscerli». E continua: «Sardiello è un autore colto che nello scrivere cerca di essere se stesso. Leggendolo mi veniva in mente Pennac e lì per lì non capivo perché. Poi invece ho compreso che entrambi questi scrittori hanno lo stesso modo di stupire, di capovolgere le nostre aspettative di lettori, di incuriosirci e di farci riflettere».

In una sua recensione critica ha aggiunto lo psichiatra Vincenzo Capozza: «… L’attenzione che l’autore pone sugli aspetti più devastanti dell’esistenza umana è a volte maniacale, quasi a non voler lasciare scampo al lettore, immerso inesorabilmente in un contesto fatto di solitudine, fallimenti, infelicità; ma il coinvolgimento è liberatorio, perché proprio attraverso la partecipazione e la sofferenza egli trova una propria dimensione, nuova e rigenerata, liberata dalle brutture, dalle corruzioni, dalla distorsione dei valori, dalla superficialità e dall’ipocrisia. Il coraggio dell’autore si trasforma in lezione di vita, in capacità di dare un termine giusto alle cose, smascherando tutto ciò che c’è da smascherare, simbolizzando adeguatamente ogni elemento del nostro contesto esistenziale, risucchiando il lettore in situazioni sovente paradossali ma che egli già conosce, costringendolo al riconoscimento ed alla consapevolizzazione».

L’ingresso è libero e gratuito. Per maggiori informazioni è possibile contattare la Biblioteca Giuseppe Melli al numero 0831 652803.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: